Andrea Aquilanti

Andrea Aquilanti

Andrea Aquilanti (Roma,1960).

La vicenda artistica di Andrea Aquilanti è caratterizzata dalla sperimentazione di differenti media associando, senza soluzione di continuità, la pratica del disegno e della pittura, attraverso cui coniuga riferimenti e fascinazioni dell’arte del passato con suggestioni e linguaggi contemporanei, sensibili alle interferenze e alle potenzialità offerte dalla tecnologia. Il suo mondo poetico si costruisce di visioni complesse e piani percettivi stratificati che indagano la dimensione del reale e la labilità del suo statuto ontologico in rapporto alle problematiche della rappresentazione. Installazioni immersive site-specific definiscono il carattere esperienziale e temporaneo intorno al quale ruota la sua ricerca.

Artista affermato in Italia, realizza diversi progetti e partecipa a numerose e importanti mostre collettive e personali in musei, spazi pubblici e privati, in Italia e all’estero.

Nel 2015 è invitato al Padiglione Italia “Codice Italia” della LVI Biennale di Venezia e nel 2012 alla V Biennale Internazionale d’Arte di Pechino presso il National Art Museum of China a Pechino.

Nel 2003 e nel 2008 è invitato a due edizioni della Quadriennale di Roma.

Nel 2013 partecipa alla grande mostra internazionale “Post Classici. La ripresa dell’antico nell’arte contemporanea italiana” al Foro Romano e al Palatino a Roma.

È del 2019 la sua prima opera di arte pubblica permanente “La Scala Santa. Le mura e le porte” realizzata a Viterbo, curata dall’Accademia Nazionale di San Luca nell’ambito del progetto “Arte sui Cammini”, promosso dalla Regione Lazio.

Sempre nel 2019 partecipa alla mostra “Return Rome-Berlin”, presso Galerie Verein Berliner Künstler a Berlino.

Del 2011 è la mostra “5C5C”, presso il CIAC di Genazzano (RM) e KT&G Sangsangmadang Gallery, Seoul, South Korea; del 2010 è “Contemporary energy. Italian attitudes”, presso SUPEC (Shanghai Urban Planning Exhibition Center) a Shanghai.

Nel 2009 è il vincitore del Premio Terna 02 con l’opera “Acqua”, installazione con videoproiezione sonora.

Tra le mostre i progetti recenti si menzionano: “Sepolcro di luce”, Chiesa di Nostra Signora di Fatima a Trapani, nel 2020; “Vedute dalle torri di Castellone e Mola, Formia (LT), nel 2019; “Quelli che vengono, quelli che vanno”, Spazioborgogno, Milano, nel 2016; “Veduta di Palermo”, Villa Zito, Palermo, nel 2015.

Vive e lavora a Roma.