Descrizione Progetto

Enigma

Enigma

Enigma fu una macchina elettro-meccanica per cifrare e decifrare messaggi, ideata da Arthur Scherbius. Fu ampiamente utilizzata dal servizio delle forze armate tedesche durante il periodo nazista e della seconda guerra mondiale. La facilità d’uso e la presunta indecifrabilità furono le maggiori ragioni del suo ampio utilizzo.

La macchina Enigma aveva l’aspetto di una macchina per scrivere con due tastiere: la prima, inferiore, e la seconda nella quale i tasti erano sostituiti da lettere luminose che si accendevano ogni qualvolta venisse premuto un tasto sulla tastiera effettiva; la sequenza delle lettere che si illuminavano dava il messaggio cifrato (o quello in chiaro, se si batteva il testo cifrato). La decrittazione dei messaggi cifrati con Enigma fornì per quasi tutta la seconda guerra mondiale importantissime informazioni alle forze alleate.

Nel 1939 il brillante matematico Alan Turing decide di mettere le proprie abilità al servizio del governo della Gran Bretagna, nel pieno della seconda Guerra Mondiale. L’obiettivo è far terminare il conflitto quanto prima, collaborando alla segretissima operazione di decriptazione dei codici segreti nazisti, codificati con la macchina Enigma.

L’operatore riceveva il messaggio scritto. Via, via che premeva sulla tastiera effettiva una lettera del medesimo, sulla “tastiera luminosa” compariva la corrispondente lettera cifrata e l’operatore (o chi per esso vicino a lui) la registrava su un foglio.

Al termine della cifratura il foglio sul quale era stato scritto il messaggio cifrato veniva consegnato al marconista che lo trasmetteva (via radio o via filo, a seconda del mezzo trasmissivo da usare al momento).