Ritratto Quayola - ph by Salvatore Di Gregorio

Ritratto Quayola – ph by Salvatore Di Gregorio

Quayola (Roma, 1982)

Utilizza la tecnologia come lente per esplorare le tensioni e gli equilibri tra forze apparentemente opposte: reale e artificiale, figurativo e astratto, vecchio e nuovo. Costruendo installazioni immersive, spesso in siti architettonici storicamente significativi, riformula le immagini canoniche attraverso la tecnologia contemporanea. La scultura ellenistica, la pittura dei vecchi maestri e l’architettura barocca sono alcune delle estetiche storiche che servono come punto di partenza per le composizioni astratte di Quayola. La sua pratica variegata, tutta derivante da software per computer personalizzati, include anche performance audiovisive, video, sculture e opere su carta.

Ha tenuto mostre presso il V&A Museum, Londra; Park Avenue Armory, New York; Bozar, Bruxelles; National Art Center, Tokyo; UCCA, Pechino; How Art Museum, Shanghai; SeMA, Seoul; Bienal, San Paolo; Triennale, Milano; Palais de Tokyo, Parigi; Museu Nacional d’Art de Catalunya, Barcellona; British Film Institute, Londra; Cité de la Musique, Parigi; Grand Theatre, Bordeaux; Ars Electronica, Linz; Elektra Festival, Montreal; Sonar Festival Barcelona e Sundance Film Festival.

Quayola ha lavorato con compositori, orchestre e musicisti tra cui la London Contemporary Orchestra, la National Orchestra of Bordeaux, Ensemble Intercontemporain, Vanessa Wagner, Jamie XX, Mira Calix, Plaid e Tale Of Us.

Nel 2013, Quayola ha ricevuto il Golden Nica ad Ars Electronica.

Vive e lavora a Londra.